Macomer-Bosa: Tratta panoramica del Trenino verde

 Foto trenino verde 1

Foto Trenino Verde 2

Il viaggio ha inizio dalla stazione di Macomer e procede verso ovest in direzione del mare. Inizialmente la tratta affronta una leggera salita passando al di sotto della linea FS nei "pontes de Bosa". Il panorama è prevalentemente contraddistinto da ampie distese a pascolo con i caratteristici muretti a secco e con sullo sfondo, spesso e volentieri, la tradizionale figura dei nuraghi. Ed infatti, si potrà ammirare  dal trenino, il nuraghe di Succoronis che si trova a poca distanza dalla linea. Segue, poi, la fermata nei pressi dell'abbazia di Santa Maria di Corte risalente al XII secolo. Quindi si costeggia il fiume di  Rio Furrighesu, un affluente del Temo, fino ad arrivare alla stazione di Sindia. Si inizia quindi percorre il tratto che attraversa la sub-regione geografica della Planargia in cui la prima stazione che si incontra è quella di Tinnura. Finalmente dopa la stazione di Tresnuraghes / Magomadas si inzia ad intravedere la costa con, agli occhi dei pià pratici della zona, i tratti inconfondibili di Capo Mannu a sud e Capo Marargiu a nord. E' questo il tratto più panoramico e suggestivo della linea. Si susseguono quindi le fermate di Nigolosu, la famosa Curva di Nanio caratteristica perché a strapiombo sul mare, e la fermata di Modolo. Infine, costeggiata la spiaggia di Turas, si arriva al capolinea di Bosa.

Maggiori informazioni riguardo le tariffe e gli orari di partenza e di arrivo del Trenino Verde sono disponibili sulla pagina dedicata a questa tratta sul Sito ufficiale del Trenino Verde